CARMEN

Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

CARMEN

6 Ottobre 2017 ore 20:30

Venerdì 6 ottobre 2017 ore 20.30 – Turno A
Domenica 8 ottobre 2017 ore 16.00 – Turno B
[tabs title=”” type=””]
[tab title=”Locandina”]
Dramma lirico in quattro atti
Musica di Georges Bizet, su libretto di E. Meilhac e L. Halévy
Prima rappresentazione: Parigi, Théâtre de l’Opéra-Comique, 3 marzo 1875

Regia Sergio Rubini
Direzione d’orchestra Matteo Beltrami

Regista Assistente Gisella Gobbi
Coreografie Simona Bucci
Luci Fiammetta Baldiserri
Scene Luca Gobbi – Costumi Patrizia Chericoni

Orchestra Fondazione Teatro Coccia / Orchestra del Conservatorio “Guido Cantelli” di Novara
Coro San Gregorio Magno – Coro delle voci bianche Accademia Langhi

Produzione Fondazione Teatro Coccia Onlus
[/tab]
[tab title=”Personaggi e interpreti”]
Carmen, zingara e sigaraia ALISA KOLOSOVA
Don José, brigadiere AZER ZADA
Micaela, giovane navarra VALERIA SEPE
Escamillo, torero SIMON ORFILA
Frasquita, zingara LEONORA TESS
Mercédès, zingara GIORGIA GAZZOLA
Il Dancairo, contrabbandiere PAOLO MARIA ORECCHIA
Il Remendado, contrabbandiere DIDIER PIERI
Zuniga, tenente GIANLUCA LENTINI
Moralès, brigadiere LORENZO GRANTE
Lillas Pastia, oste (ruolo parlato) da definire
Monelli (voci bianche)
Soldati, giovani, popolani, sigaraie, zingare, zingari, venditori ambulanti (Coro)
[/tab]
[tab title=”Trama”]

Atto primo
A Siviglia, davanti alla Manifattura di tabacchi, la bella sigaraia Carmen getta un fiore a Don Josè, brigadiere dei Dragoni che resta particolarmente turbato dal gesto. Sopraggiunge la fidanzata Micaela; poco dopo scoppia una lite alla Manifattura, in seguito alla quale Carmen è consegnata al brigadiere per avere picchiato una compagna. Mentre la sta conducendo alla prigione, Don Josè affascinato dalla sigaraia, la lascia fuggire.
Atto secondo
Nell’osteria di Lillas – Patia due contrabbandieri della stessa banda cui appartiene Carmen, Dancairo e Remendado, vorrebbero convincere la sigaraia a seguirli sulle montagne per riprendere le imprese di contrabbando. Ella rifiuta: attende che Don Josè, da lei amato, esca dalla prigione in cui è stato imprigionato per averla fatta fuggire e respinge anche la corte del torero Escamillo. Improvvisamente sopraggiunge il brigadiere che si batte con il capitano Zuniga. I due vengono separati dal contrabbandiere e Don Josè, pazzo d’amore per Carmen, decide di seguirla sulle montagne.
Atto terzo
Nel quartier generale dei contrabbandieri Don Josè pensa con tristezza alla madre, malata e lontana, e a Carmen che, già stanca di lui, si è ora invaghita di Escamillo.
Dopo che la donna, turbata da oscuri presentimenti, chiede alle carte il suo destino, sopraggiunge il torero il quale, salito sulle montagne per incontrarla, si batte con Don Josè. Carmen li separa; nel frattempo arriva Micaela che supplica il fidanzato di seguirla dalla madre morente e Don Josè, straziato dal dolore, si allontana con lei.
Atto quarto
A Siviglia la folla acclama Escamillo che si reca alla corrida. Durante un drammatico incontro col brigadiere, Carmen gli dice di non aspettarsi più nulla da lei: tutto è finito e la donna gli getta addirittura ai piedi un anello che le aveva regalato. Don Josè, accecato dal dolore, si avventa su di lei e la pugnala mentre Escamillo appare vincitore sui gradini dell’Arena.

[/tab]
[tab title=”Note”]

La prima rappresentazione di Carmen, all’Opéra-Comique di Parigi, fu un clamoroso insuccesso. Il pubblico non seppe capire ed apprezzare un’ambientazione così insolita, una storia d’amore tra un ufficiale ed una sigaraia di dubbia moralità, personaggi come zingari e contrabbandieri: un’atmosfera troppo poco convenzionale per il pubblico francese di quel periodo.
Il libretto, tratto dall’omonima novella di Prosper Mérimée, presenta rispetto all’originale molte semplificazioni e, soprattutto, molte smussature: la personalità di Don Josè e di Carmen, per esempio, viene senz’altro addolcita e depurata dagli aspetti più violenti e scandalosi che invece erano stati descritti da Mérimée.
Carmen è un assoluto capolavoro, un’opera unica e straordinariamente originale sia per la concezione teatrale sia per quella musicale: insieme ad elementi lirici e drammatici presenta motivi prettamente folkloristici e addirittura motivi derivanti dall’opera buffa, tutti perfettamente amalgamati tra loro.
Tra i momenti da ricordare: l’habanera «L’amour est un oiseau rebelle» in cui il canto di Carmen è di una indefinibile sensualità, la seguidilla «Près des remparts de Seville» nel primo atto, «Les tringels des sistres» nel suo procedere vorticoso e trascinante, «La fleur que tu m’avais jetée», raffinata romanza di Don Josè, nel secondo atto, il canto timoroso e delicato di Micaela nel terzo atto «C’est des contrebandieras», il quarto atto appassionato e sanguigno.
(da “L’opera e le sue storie”, di Mario Pasi e Guido Cavallera – Ed. Curci, 1991)

[/tab]
[tab title=”Acquista on-line”]
acquista-online
[/tab]
[/tabs]

Dettagli

Data:
6 Ottobre 2017
Ora:
20:30
Categoria Evento:
Sito web:
www.fondazioneteatrococcia.it

Luogo

Teatro Coccia
Teatro Coccia Via fratelli Rosselli, 47
Novara, NO 28100
+ Google Maps
Telefono:
0321233201
Sito web:
https://www.fondazioneteatrococcia.it/