My fair Ladies… and Gentlemen

Arie e duetti da My fair lady

con

Silvia Testoni soprano

Stefano Colli baritono

Marco Ghilarducci pianoforte

Compagnia esecutrice STM-Scuola del Teatro Musicale

Produzione Fondazione Teatro Coccia

My Fair Lady è un musical con colonna sonora di Frederick Loewe e libretto di Alan Jay Lerner, tratto dall’opera teatrale di George Bernard Shaw Pigmalione (1913). Così come la pièce di Shaw, il musical racconta della rozza fioraia cockney Eliza Doolittle che prende lezioni dal fonetista Henry Higgins per poter diventare una vera signora e aprire un negozio. Il progetto è il risultato di una scommessa tra il professor Higgins ed il colonnello Pickering, fatta dopo che il professore ha affermato di poter trasformare una qualunque popolana in una lady con pochi mesi di lezioni. Ma, inaspettatamente, Higgins comincia a provare dei sentimenti per la povera fioraia.

Il musical, diretto da Moss Hart, con costumi di Cecil Beaton e scene di Oliver Messel, debuttò a Broadway nel 1956 e fu un grande successo di critica e pubblico: My Fair Lady rimase in scena per 2717 repliche, diventando così il musical più longevo dell’epoca, e vinse sei Tony Award, tra cui miglior musical. Il musical si rivelò uno straordinario successo anche a Londra, dove rimase in scena per 2281 repliche al Theatre Royal Drury Lane. In entrambe le produzioni i ruoli dei due protagonisti furono interpretati da Rex Harrison e una giovane Julie Andrews. Harrison tornò a recitare anche nell’adattamento cinematografico Premio Oscar di George Cukor del 1964, con Audrey Hepburn (doppiata nel canto da Marni Nixon) nel ruolo di Eliza. Il musical fu successivamente riproposto sulle scene londinesi e newyorchesi in numerosi revival e si guadagnò l’appellativo di “musical perfetto”.

Titoli originali dei brani, tradotti in italiano

Why Can’t The English? Perché l’inglese non si sa

Wouldn’t It Be Loverly? Che Bella favola

With a Little Bit of Luck Un pizzico di fortuna

I’m an Ordinary Man Sono un vero gentleman

Just You Wait Lo vedrai Signor Higgins

The Rain in Spain La rana in Spagna

I Could Have Danced All Night Avrei danzato ancora

On The Street Where You Live (Reprise) La strada dove vive un Angelo

Show Me Sogni

Without You Senza te

I’ve Grown Accustomed to Her Face Non so più stare senza lei

Silvia Testoni

Diplomata al Triennio di Canto lirico col massimo dei voti e la lode e laureanda al Biennio di Canto Pop/Rock presso il Conservatorio “A. Boito” di Parma, ha approfondito lo studio del repertorio barocco con E. Tubb e G. Banditelli e di quello contemporaneo con L.

Castellani.

Nel 2005 ha ricevuto il Premio per la Carriera Artistica dell’Accademia Internazionale della Cultura e delle Arti.

Nel 2007 ha vinto il I° premio di Vocologia Artistica istituito nell’ambito del Master omonimo tenuto dall’Università degli studi di Bologna polo di Ravenna con la direzione del Prof. Franco Fussi.

Voce eclettica, per più di quindici anni è stata collaboratrice stabile di formazioni musicali di diversa ispirazione come l’ensemble di musica barocca Cappella Artemisia (con il quale ha registrato sei CD per l’etichetta “Tactus”) e del quintetto etno-pop Cantodiscanto (vincitore del premio Recanati 1993/94 con il quale ha inciso i cd “Cercando la terra” e “Medinsud” e “Malmediterraneo”).

Ha collaborato come solista con gli ensemble Nextime e Überbrettl, Wood quartet, con Giorgio Casadei, e Ivano Fossati e la Big Band Ritmo Sinfonica Città di Verona.

È stata attrice-cantante nello spettacolo “Arpa di sera…” per la regia di Arturo Brachetti, interprete dei lavori teatrali e da camera di Nicola Campogrande “Macchinario”, “Alianti” e “Capelas Imperfeitas”, e dell’opera “Nevebianca” di Marco Betta.

Nel 2008 ha cantato in “Beggar’s opera” per la regia di Lucio Dalla nella stagione operistica del il Teatro Comunale di Bologna.

Ha partecipato a trasmissioni radiofoniche e televisive come Taxi, Survival, Radio3suite Gramelot, Concerti del Quirinale, e rassegne internazionali musicali, fra le quali Rossini Opera Festival, Barga Opera Festival, Donne in musica, Futuri 2000, Grinzane festival, Tage Alter Musik in Herne, Musica insieme in Ateneo 2008-2009, Prato Jazz 2008, Kielce Jazz (PL), La notte della Taranta. E’ stata ospite dal 2015 al 2018 del Ravenna Festival. Insegna canto e tecnica vocale presso la Scuola del Teatro Musicale di Novara e presso Alma Musica di Bologna.

 

Stefano Colli

Inizia la sua carriera artistica a 17 anni affiancando Iskra Menarini, la storica vocalist diì Lucio Dalla, all’interno di concerti, trasmissioni televisive e radiofoniche.

Si avvicina al mondo del musical tramite alcuni membri del gruppo comico musicale – teatrale “Oblivion”, a Robert Steiner, lavorando in varie produzioni nazionali (“Canterville”, “Rent – Misura la vita in amore”, “Artemisia”, “Messer Filippo – opera popolare”, “Sogno di una notte di mezza estate”, “Il Mio Grosso Grasso Matrimonio Gayo”, “Georgie – il musical”,

“Ami e Tami – opera contemporanea” di Matti Kovler).

Dal 2014 si esibisce nell’ambito del Festival Internazionale del Cinema di Berlino in occasione della “Notte delle Stelle”, serata di gala.

Nel 2015 pubblica con l’etichetta discografica indipendente SanLuca Sound il suo primo singolo “Indifferente” scritto con Renato Droghetti e Gianluca Fantelli.

In occasione della 2° edizione del “Festival delle Generazioni” a Firenze, si aggiudica una borsa di studio per interpreti presso il CET di Mogol.

Partecipa come finalista alla 58° edizione del Festival di Castrocaro in prima serata su RAI1.

Nel 2017 pubblica con l’etichetta Parametri Musicali “Crudele”, brano frutto della collaborazione

con il M° Giancarlo Di Maria. E’ co-fondatore della compagnia teatrale-musicale “I Muffins”.

Nella stagione 2018/2019 è tra i protagonisti della serie tv per ragazzi in onda su SKY “L’Officina dei Mostri” prodotta da DeAgostini e DeaKids e fa parte del cast del musical “Il Magico Zecchino d’Oro”, realizzato in occasione del 60° anniversario dalla nascita della celebre kermesse televisiva con la regia di Raffaele Latagliata.

Il 21 Gennaio 2019 esce, sempre per etichetta Parametri Musicali, “Guarda la notte“, il suo terzo singolo. Il brano riscuote ampi consensi (con anteprima su Repubblica.it e partecipazioni RAI, TGR, Radio2, RaiGulp). Pochi mesi dopo entra a far parte del cast della trasmissione di RAI2 “The Voice of Italy” nel Team di Gigi D’Alessio, con il quale duetterà sulle note di “Caruso” di Lucio Dalla.

 

Marco Ghilarducci

Diplomatosi nel 1994 all’Istituto G. Verdi di Ravenna con il massimo dei voti e la lode sotto la guida di Massimo Neri, si è perfezionato al Mozarteum di Salisburgo e all’Accademia Nazionale Santa Cecilia di Roma con Sergio Perticaroli e, per sei anni, in musica da camera con il violoncellista Franco Rossi alla Scuola di Musica di Sesto Fiorentino.

Dal 1996 si è esibito come solista e in duo, trio, quartetto, quintetto e orchestra da camera in numerose sale e stagioni musicali italiane: Teatro della Pergola di Firenze, Teatro Comunale di Modena, Teatri Metastasio e Politeama di Prato, Teatro Romano di Fiesole, Festival delle Nazioni di Città di Castello, AterForum Festival di Ferrara, Festival Internazionale di Santo Stefano di Bologna, per citarne alcuni, collaborando anche con la Corale G. Monaco di Prato e con l’Orchestra B. Maderna di Forlì.

Si è dedicato al repertorio Pop, Rock e al Musical, collaborando con la compagnia Tweet Charity e, anche come arrangiatore e compositore, con Paolo Fresu. Ha collaborato con la rivista “Musica Domani” (EDT edizioni) e ha svolto attività di divulgazione musicale, con lezioni concerto e conferenze per il Circolo Dipendenti Universitari di Bologna e la facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Modena.

Dal 2015 è pianista improvvisatore per le stagioni dei Match di Improvvisazione Teatrale di Bologna. Insegna pianoforte e musica di insieme presso l’Associazione La Musica Interna e presso Alma Musica di Bologna, di cui è cofondatore e direttore didattico.

 

acquista

lunedì 13 luglio 2020 ore 21:30